Acquerelli: segni d’acqua imprigionati dal tempo.

Con l’acquarello Carlos Atoche mette in scena il racconto mitologico greco oppure affronta, con maggiore immediatezza nel tratto, gli stessi soggetti presenti nei suoi murales. Spesso l’acquerello viene utilizzato per bozzetti, come è accaduto per i murales ‘Condizione di un Artista’ al Villaggio Globale, ‘L’Uomo della Luna’ al MAAM, ‘La Scelta del Filosofo’ al Parco di Santa Maria della Pietà e ‘Medusa Rusco’ all’ex zincaturificio di via Stalingrado a Bologna.